AQUADOT - Società d'ingegneria | Ingegneria costruzioni idrauliche e costiere

Referenze


Porto Bremerhaven

Maintenance Manual for Coastal Harbours in Northern Germany

2016
Wasserbau, Küsteningenieurwesen, AQUADOT
Inspection of Hydraulic Structures

Based on recent technical codes on type, extent and timing of required inspection and maintenance works the AQUADOT Engineering Company elaborated a guideline for inspection and maintenance of hydraulic structures in different coastal harbours in Northern Germany. Beside the definition of specific inspection and maintenance services for different materials and structural components the guideline contains indications for documentation and tender procedures of maintenance and rehabilitation works.

Seaside Resort at the Sund Promenade Stralsund

Sediment Transport | 2016
Wasserbau, Küsteningenieurwesen, AQUADOT
Sea Resort Sundpromenade Stralsund 2016

For improvement of the swimming conditions in the Seaside Resort at the Sund Promenade Stralsund the waterfront sheet pile wall was dismantled, a beach nourishment was executed and for prolongation of the retention time of sediments in the beach area wooden pile groins have been built at the southern and northern edge of the resort. Due to the tendency of silting up of the neighbouring recreational harbour the AQUADOT Engineering Company was commissioned to investigate the sediment transport in and around the Sea Resort Sund Promenade. The transport processes could be analysed and assessed based on bathymetric surveys, sediment examinations and current calculations.

Inspection of Hydraulic Structures according to DIN 1076

Tender Documents, Contracting, Assessment | 2015-16
Wasserbau, Küsteningenieurwesen, AQUADOT
Inspection of Hydraulic Structures

In view of the aging hydraulic structures – approximately 30% of the German locks are already older than 100 years – effective inspection of waterfront structures and engineering constructions is getting more and more important. For the execution of main inspection works according to DIN 1076 at a waterfront stretch of more than 15 km along a federal waterway in urban environment the AQUADOT Engineering company worked out the required tender documents, examined the offers and supported the award of the contract. Subsequent to the execution of the inspection works, the inspection results of the single stretches have been evaluated, summarized and prioritised with respect to required rehabilitation and new construction works.



Umnutzung von Hafenanlagen am Niederrhein

Ermittlung anzusetzender Trossenzugkräfte bei unterschiedlichen Belastungssituationen | 2014-15
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
In Umstrukturierung befindliche Hafenanlage am Niederrhein

Im Zuge der Planungen zur Umnutzung verschiedener Hafenanlagen am Niederrhein sind statische Nachrechnungen vorhandener Kaianlage durchgeführt worden, die eine Standsicherheit der Anlage grundsätzlich nachweisen. Problematisch ist jedoch teilweise die Abtragung der nach den Empfehlungen des Arbeitsausschusses 'Ufereinfassungen' Häfen und Wasserstraßen – EAU 2012 – anzusetzenden Trossenzugkraft von 300 kN für ein Bemessungsschiff entsprechend des Großen Rheinschiffs mit einer Länge größer 110 m, da die Anlagen vielfach nach den zum Bauzeitpunkt gültigen Lastansätzen für eine Trossenzugkraft von 100 kN ausgelegt wurden. Hierbei stellt sich die Frage, ob unter Berücksichtigung der naturräumlichen Verhältnisse in den betroffenen Häfen eine gegenüber den Werten nach EAU 2012 reduzierte Trossenzugkraft angesetzt werden kann.

Zur Beantwortung dieser Frage wurden die jeweils die wirkenden Belastungen auf die Vertäuung ermittelt und die zu erwartenden Trossenzugkräfte für unterschiedliche Belastungssituationen ermittelt. Hieraus wurden Handlungsempfehlungen für die betroffenen Hafenanlagen entwickelt.


Badestelle Arnis an der Schlei

Küstenmorphologische Prozesse sowie mögliche Maßnahmen zum Strandaufbau und zur Verminderung der Verschlickung | 2014
s
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Badestelle Arnis an der Schlei im September 2014

In Arnis an der Schlei existiert seit den 1980-er Jahren eine mit einer West- und Ostmole sowie einem uferfernen Wellenbrecher geschützte Badestelle. Mittlerweile ist teilweise ein Rückgang der Uferlinie im Strandbereich sowie eine starke Verschlammung eines Teils der Badestelle zu verzeichnen. Zudem ist eine Teilfläche an der Westmole stark versandet. Die Stadt Arnis plant eine Verbesserung der Badesituation, wofür neben der Einschätzung der aktuellen morphologischen Prozesse die Entwicklung einer Sanierungsvariante sowie die Prognose zukünftiger sedimentologischer und morphologischer Entwicklungen an der Badestelle erforderlich waren.


Auf der Freiheit, Schleswig

Zu erwartende Auswirkungen des geplanten Außenhafens auf die Strömungssituation und Küstenmorphologie | 2014
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Projektgebiet 'Auf der Freiheit' bei Schleswig im September 2014

Im Rahmen der Entwicklung des Projekts 'Schleswig Auf der Freiheit' ist unter anderem ein Hafenneubau geplant. Der sogenannte Außenhafen soll mit einer Molenumschließung vor die vorhandene Küstenlinie in die Schlei gebaut werden. Im Zuge der Genehmigungsplanung war zu untersuchen, inwieweit sich mit der geplanten Inanspruchnahme der Gewässerfläche die Strömungssituation ändert und welche Auswirkungen hieraus auf die Küstenmorphologie zu erwarten sind.

Hierzu wurden der hydrologische wie der morphologische Ist-Zustand im Projektgebiet analysiert und es wurden mögliche Veränderungen der Strömungen und Sedimentbewegungen im erweiterten Planungsgebiet infolge der geplanten Maßnahme abgeschätzt.


Ispezione di impianti idraulici

2012-15
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Corrosione di un rinforzo di una banchina dovuta alla carbonatazione
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Controllo della funzionalità di una piattaforma mobile che connette i pontoni

La verifica delle condizioni tecniche degli impianti idraulici è basata su controlli strutturali. In caso le condizioni degli impianti non necessitino di ulteriore verifica, il seguente ciclo annuale vale per le ispezioni strutturali:

  • Il controllo annuale condotto sull'impianto comprende la sua verifica strutturale e fa riferimento in particolare alla sicurezza, alle condizioni generali e ulteriori possibili problemi
  • L'ispezione strutturale viene svolta in un ciclo di 3 anni e comprende un controllo visivo di tutte le parti strutturali accessibili senza operazioni di immersione
  • Il controllo strutturale viene svolto in un ciclo di 6 anni ed include l'ispezione manuale delle strutture utilizzando tutti i metodi ausiliari per il controllo della condizione statica, strutturale ed idraulica della struttura

AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Misurazione dello spessore residuo di una parete corrosa

La società di ingegneria AQUADOT offre un servizio completo d'ispezione su strutture idrauliche come moli, banchine, muri di sostegno, pontoni con i loro rispettivi ancoraggi e briccole che connettono passaggi di servizio di ponti, moli e banchine. Tutti i lavori sono svolti da un team altamente qualificato di ingegneri del campo idraulico e costiero ed esperti in: test materiali, controllo qualità ed ingegneria strutturale nonché sommozzatori professionisti. Oltre al lavoro di ispezione, il servizio include anche la valutazione della capacità di carico e la stima dei lavori di risanamento e riparazione.


Corso d'acqua navigabile lago Zwenkau - Lago Cospuden / Stima della sedimentazione dinamica

2012-13
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Ponte sul collegamento autostradale in costruzione - lago di Cospudener / Zwenkauer

In vista dei lavori architettonici di risanamento nella cava mineraria di Zwenkau e Cospuden a Leipzig si è progettato e realizzato un canale di convoglio dal lago Zwenkau in quello di Cospuden. Per questo era necessario costruire un canale di comunicazione tra il lago della cava mineraria, il quale adempieva la sua funzione di convoglio acque e contemporaneamente con l'aiuto di una chiusa idraulica serviva come collegamento navigabile.

Affiancati alla società di ingegneria KUBENS mbH, Niederlassung Nürnberg, si studiava a fondo l'opera in progettazione per il collegamen-to d'acqua navigabile del lago Zwenkau - Cospuden. Venne richiesta dallo sviluppatore del progetto LMBV mbH ( Leipzig ) una stima da parte di esperti dell'ufficio di AQUADOT per la valutazione della sedimentazione dinamica. Nell'ambito della perizia erano state stimate, dopo il riempimento del lago Zwenkau e l'apertura dei canali di comunicazione Zwenkau e Cospuden, gli attesi immagazzinamenti di sedimentazione all'inizio e alla fine del canale ; vennero inoltre valutate possibili opere di protezione. Per ultimo si doveva garantire un sicuro e duraturo funzionamento del collegamento dei canali in entrambi i laghi della cava, nella quale si doveva agire contro l'indesiderata erosione e la tendenza ai frequenti depositi alluvionali nell'area. Campi di analisi Cospuden:

  • Canale del Lago di Cospuden nel canale di collegamento
  • Entrambe le sponde del canale Cospuden (imbocco e sbocco)
  • Porto esterno inferiore
  • Opere di chiuse idrauliche
  • Campi di analisi Zwankau
  • Canale del lago di Zwenkau nel canale di collegamento
  • Entrambe le sponde del canale Zwenkau (imbocco e sbocco)
  • Funzionamento di scarico Cospuden

AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Tagebaurestseen
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Tagebaurestseen

Porto cittadino di Teltow - Pianificazione di un Porto turistico sul canale di Teltow

2012-16
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Pianificazione area Marina Teltow, 07.12.2012

Nell'ambito del progetto per lo sviluppo cittadino del corso d'acqua navigabile del canale Teltow, viene pianificato un porto turistico chiamato Marina Teltow.

Nel 2012, con la consulenza di AQUADOT, viene sviluppato un progetto preliminare per l'elaborazione di un piano dell'area. Sulla base degli stessi l'istituto di ingegneria idraulica e costiera dell'università di scienze applicate di Brema elaborò sotto la responsabilità della professoressa Koppe al progetto (Basic design) e al potenziamento di strutture trasversali, attracchi e strutture a terra.


Calcolo del carico delle onde delle acque di raffreddamento di un impianto energetico

2011/13
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Forza del carico delle onde su un sostegno sottile - Calcoli secondo MORISON

Nell'ambito della pianificazione di un impianto energetico vicino alle coste, la società AQUADOT ha svolto calcoli sull'atteso carico delle onde in arrivo dalle acque di raffreddamento. La società ha anche dato suggerimenti per quanto riguardava gli impianti, ad esempio nell'oceano indiano e nel mare dei Caraibi. Parte degli impianti di raffreddamento sono installati tramite costruzioni verticali, altri invece sono installati nelle acque costali e collegati con tubi sotterranei alla terra.


Lago sul porto di Wismar - Stima dell'atteso carico delle onde del bacino in ottica di un piano d'ampliamento

2011-13
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Città anseatica Wismar

Nell'ambito dei lavori di espansione del porto di Wismar, in una seconda fase di lavori, dovevano essere completate le attività d'ampliamento per i terminal in direzione nord.

Il progetto prevedeva la costruzione di banchine verticali, grazie all'utilizzo di palancole, per i posti d'ormeggio (dal posto 1A fino al numero 1D) e la costruzione di un nuova banchina d'ormeggio (in sostituzione alla già esistente) per l'autorità portuale/ spedizione marittima di Lubecca.

Commissionati dal porto di Wismar, il "Competence Centre for Construction M-V" in collaborazione con AQUADOT ha esaminato, basandosi su metodi di calcolo analitici e numerici, il carico del moto ondoso; inoltre ha analizzato il progetto della banchina a muro e vagliato vari tipi di misure strutturali di riduzione del carico del moto ondoso. Per stimare il coefficiente di riflessione di differenti banchine sono stati condotti diverse simulazioni su modelli a scala ridotta.

Per assicurare condizioni di sicura gestione nei posti di ormeggio del porto di Wismar e più tranquillità all'autorità portuale e di spedizione marittima è stata sviluppata una variante differente, basata sulle valutazione dei dati raccolti sulle onde nel 2011. Nel 2013, sono stati revisionati alcuni progetti del carico delle onde nel rispetto degli attigui posti di ormeggio.


Stazione idroelettrica – Verifica idraulica

2011-2013
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Impianto idroelettrico nella città di Bad Oldesloe, Aprile 2013

Nell'ambito della nuova costruzione o sostituzione dell'esistente impianto idroelettrico, sono state necessarie verifiche idrauliche, controlli di parametri idraulici, del canale affluente, dei progetti infrastrutturali e della migrazione dei pesci. Tutto ciò è stato condotto sempre nel rispetto delle estrazioni dell'acqua e con particolare considerazione per il livello che essa poteva raggiungere durante un alluvione. Per ultimo, componenti come lo "screen rack" e barriere per pesci nel più basso strato del canale affluente dovevano essere disegnati propriamente per garantire la migrazione dei pesci nativi in un differente canale di deflusso nonostante l'esistente struttura trasversale.

AQUADOT elabora le verifiche idrauliche richieste sulla base di calcoli teorici e/o attraverso parametri idraulici misurati.

Marina Sassnitz - stima degli attesi cambiamenti idrodinamici

2010-2011
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Veduta del porto cittadino di Sassnitz in inverno 2010 - 2011

A ovest del porto cittadino di Sassnitz è in progetto un porto turistico. Durante la procedura d'approvazione ci si chiese quali cambiamenti idrodinamici era possibile aspettarsi ad opera compiuta.

AQUADOT ha esaminato numericamente e analiticamente le condizioni idrodinamiche per la situazione dell'area in progetto e per la realizzazione di una banchina. Inoltre, è stata elaborata una costruzione alternativa per minimizzare il riflesso delle onde di fronte alle banchine. La verifica includeva un accertamento degli attesi cambiamenti dei parametri idrodinamici come: lo stato del mare, la corrente, la deriva dei ghiacci e la sedimentazione dinamica nel resto dell'area pianificata.


Marina Sassnitz - stima degli attesi cambiamenti idrodinamici

2010-2011
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Veduta del porto cittadino di Sassnitz in inverno 2010 - 2011

A ovest del porto cittadino di Sassnitz è in progetto un porto turistico. Durante la procedura d'approvazione ci si chiese quali cambiamenti idrodinamici era possibile aspettarsi ad opera compiuta.

AQUADOT ha esaminato numericamente e analiticamente le condizioni idrodinamiche per la situazione dell'area in progetto e per la realizzazione di una banchina. Inoltre, è stata elaborata una costruzione alternativa per minimizzare il riflesso delle onde di fronte alle banchine. La verifica includeva un accertamento degli attesi cambiamenti dei parametri idrodinamici come: lo stato del mare, la corrente, la deriva dei ghiacci e la sedimentazione dinamica nel resto dell'area pianificata.


Porti di mare e cambiamenti climatici - analisi di strategie di adattamento

2009-11
AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Onda

I porti di mare svolgono un ruolo importante nel collegamento dei trasporti. Svolgono da interfaccia tra trasporti, immagazzinamento e produzione, così come tra i differenti trasbordi di trasporti, traffico marittimo, stradale e ferroviario.

Si suppone che il cambiamento climatico eserciterà un effetto decisivo sulle tecniche delle infrastrutture portuali. Le ripercussioni dei cambiamenti climatici in termini di costi potranno essere elevati ed in contrasto con eventi climatici estremi limitati regionalmente e temporaneamente.

AQUADOT ha elaborato, per l'autorità portuale di Amburgo , una linea guida per i progettisti di porti, amministrazioni portuali e gestori dei terminal per identificare gli effetti dei cambiamenti climatici e le vulnerabilità di sviluppi e operazioni portuali. Ulteriori misure di adattamento dei porti ai cambiamenti climatici, sono descritte in dettaglio.


Protezione alta marea e coste per il Ferienresort Port Olpenitz

2009-15
Port Olpenitz, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Cantiere a Port Olpenitz nel gennaio 2010

L'ex porto di Olpenitz a Kappeln viene convertito in un resort per vacanze con un porto. Il lavoro di costruzione include tra l'altro l'innalzamento del livello del terreno, la costruzione di strutture lungo la costa ed interventi di rinaturalizzazione.

AQUADOT assiste i lavori di costruzione per il dimensionamento di una riva, i lavori vengono svolti utilizzando macigni di rinforzo disponibili nel luogo. Inoltre, AQUADOT controlla l'influenza che le installazioni civili e militari hanno sul livello di protezione delle alte maree e del declino costiero. Per di più, AQUADOT rileva annualmente i cambiamenti morfologici nell'area del progetto in questione (Weidefelder Strand).


Progetto e calcolo di un ormeggio permanente per un Superyacht in un porto in Croazia

2009
Kroatien, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Carico massimo idealizzato di un ormeggio

Il delicato scafo dello yacht e gli alti standard di comfort dell'equipaggio richiedevano un sicuro e agevole sistema d'approdo. AQUADOT ha progettato un sistema d'attracco per uno Superyacht lungo 60 metri, in una banchina relativamente piccola, in un porto in Croazia. Il lavoro include in particolare la determinazione del carico effettivo di ormeggio ed il calcolo del tonnellaggio di pesata lorda.


Progetto e calcolo di misure di protezione delle coste per lo sviluppo delle corniche del nord a Jeddah, Arabia saudita

2008-10
Rappresentazione schematica di una barriera corallina

Nell'ambito del piano di sviluppo della costa, la linea costiera lunga 12 chilometri a nord delle Corniche a Jeddah, doveva essere trasformata in un centro d'attrazione di svago in tutta l'Arabia Saudita. Lungo la linea costiera del mare del nord vennero pianificati numerose attrazioni per il tempo libero, approdi, porti turistici, moli, spiagge, hotel e centri di divertimento. AQUADOT ha preso in consegna la risoluzione delle problematiche costruttive riguardanti l'adattamento del progetto di sviluppo costiero delle Corniche in collaborazione con partner sauditi e tedeschi. Nel corso dei lavori assegnati la società AQUADOT ha svolto importanti parametri di calcolo, per lo sviluppo delle opere di protezione costiera, per quanto concerne la forza del vento, il livello dell'acqua, il moto ondoso e la corrente.


Pianificazioni preliminari di un porto turistico nel mar baltico e nei laghi - determinazione del carico risultante dal livello dell'acqua, moto ondoso e correnti

2008-09
Schleswig, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Strutture sulla riva dell'ex caserma "Auf der Freiheit" sullo Schlei, Schleswig, gennaio 2008

Le pianificazioni preliminari per il porto turistico nelle coste tedesche del mar baltico e dei laghi interni comprendevano in prima linea il rilevamento del carico del livello dell'acqua, del moto ondoso e delle correnti. Inoltre venivano trattate problematiche quali l'ingresso delle navi, il progetto degli investitori, i collegamenti acquei delle vie di traffico così come la buona qualità d'acqua all'interno del porto.


Progetto infrastrutturale del porto Bremerhaven con particolare attenzione al traffico container

2008
Bremerhaven, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Porto Bremerhaven 2008

Per poter facilitare la procedura di scarico e carico merci nel porto di Bremerhaven sono stati e verranno destinati ingenti investimenti da parte della società portuale e dai gestori dei terminal. L'area dell'Osthafen necessitava della creazione di nuovi posti d'attracco, nuove aree per macchinari di carico e scarico merci ed una nuova riorganizzazione strutturale. Nel 2010 l'ampliamento del canale artificiale "Kaiser" ad un effettiva ampiezza di 55 metri ed una lunghezza di 305 metri ha permesso il passaggio delle moderne navi RoRo. Inoltre con il completamento del CT4 nell'autunno 2008, sono stati creati 4 nuovi punti d'attracco per navi container.

Oltre ai lavori sulla riva erano necessari lavori ai terminal e la riorganizzazione delle strutture dell'hinterland. Ciò riguardava la riorganizzazione dei container dei terminal ed in particolare l'area di immagazzinamento, dell'area carico-scarico merci di treni e autocarri così come la creazione di nuovi edifici logistici ed amministrativi. Inoltre i collegamenti dei terminal dell'hinterland dovevano essere incorporati in una concezione di traffico complessivo del porto di Bremerhaven, richiedendo tra l'altro lo spostamento e il ricollocamento di essi al di fuori delle aree dei terminal.

AQUADOT ha elaborato un piano infrastrutturale per il porto di Bremerhaven, con speciale attenzione verso il traffico dei container.


Piano d'ampliamento per i porti Muuga Harbour e Paldiski South Harbour, Porto di Tallinn, Estonia

2007
Port of Tallinn, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Vista da occidente del porto di Muuga Harbour | Foto: www.portoftallin.com

AQUADOT ha elaborato un piano preliminare per l'ampliamento pluristadio, fino al 2036, di entrambi i porti di Tallinn: Muuga Harbour e Paldiski South Harbour. Era necessario in particolare concepire i nuovi impianti per lo scarico e carico delle seguenti merci: prodotti ad olio e gas liquido, container, collettame convenzionale, merce alla rinfusa come ferraglia, cereali, concime per piante, bio-diesel, olio vegetale, prodotti-RoRo ed in particolare automobili nuove.


Ampliamento pluristadio del terminal dei container Steinwerder, Porto di Amburgo

2007
Amburgo, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Pianificazione area centrale del porto franco, Porto di Amburgo, luglio 2007

AQUADOT ha collaborato con il professore Brinkmann per quanto riguarda la riorganizzazione della parte principale del porto di Amburgo. È stato elaborato un progetto pluristadio per il terminal dei container Steinwerder con particolare attenzione verso le condizioni economiche, di viabilità e idrauliche. Per l'ultimo stadio dei lavori d'ampliamento viene stimato un traffico merci annuale di 3,5 milioni di container standard (TEU).


Pianificazione di un sistema protettivo dai kolk per un terminal partenze del porto marittimo di Rostock

2006
Rostock, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Terminal partenze del porto marittimo di Rostock | Foto: Porto nordlicht/Rostock 2004

In occasione dei lavori di conversione della Pier 1 nord in un terminal per ferry-boat e della modernizzazione delle eliche e dei motori delle navi, era necessario controllare la situazione dei Kolk sulla banchina. AQUADOT ha elaborato, sulla base di calcoli, consigli per la protezione dei Ferry-boat dai Kolk nel rispetto delle manovre d'attracco.


Trasporto sedimentazione e sviluppo della linea costiera sulla Sundpromenade Stralsund

2003
Stralsund, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Trasporto dei sedimenti

Il progetto di sviluppo sulla Sundpromenade prevedeva delle modifiche di consolidamento della riva lungo la Promenade a Stralsund. AQUADOT ha esaminato l'influenza dei lavori programmati sul territorio della linea costiera e sulla situazione delle maree. A riguardo sono stati condotti calcoli sul corso temporaneo del movimento dei sedimenti e sul possibile aumento del tempo di deposito di essi nell'area interessata. Inoltre sono stati esaminati i cambiamenti in corso su un tratto di costa attiguo e su una falesia inattiva.


Corso consulente tecnico protezione alte maree

2004-06
Stralsund, AQUADOT, Società d'ingegneria, Ingegneria costruzioni idrauliche, costiere
Barriera mobile per la protezione dall'alta marea

Accademia assiana per la protezione dalle alte maree, ricerca sulle alte maree e salvataggio in acqua

All'interno del corso d'insegnamento "consulente protezione alluvioni" all'accademia assiana per la "protezione da inondazioni, ricerca alte maree e salvataggio in acqua" è stato sviluppato e presentato un programma composto dai seguenti moduli: idromeccanica, protezione inondazioni centri abitati e protezione straripamenti con dispositivi mobili. Questi moduli sono stati continuamente aggiornati e presentati all'accademia assiana per "la protezione dalle inondazioni, ricerca alte maree e salvataggio in acqua" a Wiesbaden dal 2004 al 2006.

Il modulo "idromeccanica" contiene le nozioni fondamentali di idromeccanica ovvero di idrostatica e idrodinamica. Il modulo "protezione centri abitati da inondazioni" discute problemi specifici nel caso il fenomeno si presentasse in aree popolate, le quali sono associate spesso a spazi molto ristretti. Nel modulo viene inoltre discusso di: linea di protezione con le infrastrutture, protezione di oggetti, precauzioni per evitare contaminazioni e sistema di drenaggio dell'acqua di ristagno. Nel modulo "protezione straripamenti con dispositivi mobili" sono stati presentati diversi sistemi mobili e le loro rispettive applicazioni sono discusse tuttora in merito alle seguenti problematiche: lancio di un allarme preventivo, personale richiesto, risorse finanziarie, pesi, montaggio, conservazione e manutenzione.